Archivi categoria:

Exploring

Pioggia, nove luoghi meravigliosi se visitati col maltempo

In questi giorni mezza Italia è allagata da una nuova ondata di piogge e maltempo, che mal si conciliano con le sensazioni che ci accompagnano quando la bella stagione è alle porte. Eppure, negli ultimi anni sempre più viaggiatori stanno riscoprendo il fascino degli acquazzoni e vedono la pioggia battente come un’opportunità per scoprire il profilo di quei luoghi che, ancor più se bagnati, esprimo appieno il loro fascino. Se non siete amanti del maltempo, date un’occhiata a queste immagini per ricredervi e trovare vie di scoperta che non pensavate possibili

  1. La foresta pluviale del Manú National Park , in Perù. Prima di diventare un luogo protetto, il parco si conservava grazie alla sua inaccessbilità: è uno dei luoghi dove flora e fauna sono tra le più ricche del pianeta. Con le sue 1000 specie di uccelli, raggiunge una diversità di popolazione animale più vasta di quella che si può trovare negli Stati Uniti e Canada assieme. E solo la pioggia l’ha resa così specialeManu-National-Park
  2. Cherrapunji , India: il luogo più piovoso della Terra. E’ l’unico luogo al mondo in cui le piogge monsoniche possono essere apprezzate tutto l’anno e la città ha più volte guadagnato il Guiness come luogo più bagnato del globo. L’acqua incessante ha imposto agli alberi un particolare sviluppo che rende le loro radici atte a diventare dei “ponti viventi” per attraversare i carichi fiumi. Si crede che alcune di esse abbiano più di 500 anniCherrapunjee-4
  3. Vancouver, Canada: dove la pioggia è quasi una religione. Può piovere per giorni e poi all’improvviso spuntare il sole, regalando meravigliosi arcobaleni che colorano il suo porto. I suoi abitanti sono stati in grado di sviluppare capacità uniche nell’estetica dei colori, diventando abili a distinguere qualsiasi sfumatura di grigio, che viene resa nelle non poco frequenti opere di street art156294280_super_cs
  4. Lago di Maracaibo, Venezuela. I temporali illuminano la superficie dell’acqua per una media di 140-160 giorni all’anno. Potrete ammirare fulmini ben oltre le vostre aspettative, come una sorta di spettacolo laser naturale: scaricano finanche 300 volte all’ora per un massimo di 10 ore al giorno. L’unica volta che ciò non è accaduto è stato a seguito della grave siccità del 20100000cataumbolightning04
  5. Dartmouth, Inghilterra: la città del doppio arcobaleno. Dire che il Regno Unito sia piovoso è un luogo comune ma è il momento in cui il sole fa capolino a insabbiarlo per far emergere le meraviglie che riserva la quiete di un arcobaleno dopo lo scroscio dell’acqua2C555B5200000578-3235050-image-a-71_1442322322842
  6. Il Glastonbury Festival, Pilton, nel Somerset in Inghilterra. Il suo motto parla chiaro: “Pace, Amore, Fango”. Uno stivale impermeabile in gomma non solo è raccomandato: diventerà l’unico espediente per osteggiare il maltempo che si abbatte mentre vi godete le performance artistiche del Glasto – come viene popolarmente chiamatoGLASTONBURY-MAIN_1736239a
  7. Finca Bellavista, Costa Rica: il villaggio ecosostenibile con le case sugli alberi. Una comunità di hippy americani cercava un luogo isolato dal mondo dove l’acqua potabile scorresse abbondantemente, per costruire un villaggio basato su un economia ecosostenibile. Così hanno trovato Finca Bellavista: immerso nella foresta pluviale, le case che vi ospiteranno saranno ricavate tra i rami degli imponenti alberi della foresta. Se la visiterete nella stagione delle piogge, potete star tranquilli che a mezzogiorno, puntuale, l’acqua arriveràFinca-Bellavista-Treehouse-Community-2
  8. Il parco nazionale di Olympic, Seattle. Ospita molti ghiacciai, il più famoso dei quali è quello di  Hoh, lungo circa cinque chilometri. Il lato occidentale del parco è occupato invece da una foresta pluviale temperata, di cui fanno parte l’Hoh Rain Forest e la Quinault Rain Forest, l’area più umida degli Stati Uniti continentaliolympic-national-park-lowlands
  9. Laos, nella stagione delle piogge. E’ uno degli stati più poveri della terra ed anche uno dei pochi stati del sudest asiatico a non avere uno sbocco sul mare. Ma se amate lo stile di vita rilassato e l’allegria, i laotiani non potranno che conquistarvi!pioggpioggia

Se piogge e temporali vi spaventano… Viaggiare con un Amyko può essere la soluzione che fa per voi 😉