castagna

La castagna: gusto e benessere autunnale

Regina indiscussa dell’autunno, la castagna ha fatto il suo regale ritorno sulle nostre tavole.
Questo “falso frutto” sembra avere tutte le carte in regola poiché deliziosa, versatile in cucina, ricca di proprietà nutrizionali ed ottima alleata per la salute.

Perché “falso frutto”?
Come la mela e la pera, la castagna non è propriamente il frutto dell’albero di castagnoEssa è infatti il seme della pianta, mentre il frutto vero e proprio è costituito dal riccio.

Ma quale è la differenza tra castagna e marroni?
Le castagne sono il frutto della pianta selvatica, conosciuta come “albero del pane”.
marroni sono il prodotto dall’albero coltivato e risultano essere più pregiati ma anche più costosi e standardizzati. 

castagna

La castagna è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare numerosi benefici al nostro organismo. È composta per il 50% di acqua e il 40% di carboidrati, amido e fibre naturali.
Contiene vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12, C, D, diversi aminoacidi tra cui acido aspartico, glutammico ed una buona percentuale di sali minerali come potassio, fosforo, magnesio, calcio e, in quantità minore, ferro.

La castagna è consigliata in caso di anemia per il suo contenuto, anche se limitato, di ferro. Può essere anche un ottimo sostituto per chi è allergico o intollerante al lattosio grazie al buon contenuto di zuccheri.  La farina di castagne può sostituire quella di grano ed essere utilizzata da chi soffre di celiachia.

Si tratta di un ottimo ricostituente in caso di raffreddore, influenza e stanchezza cronica. Vi è chi sostiene infatti che aumenti le difese immunitarie, aiutandoci a prevenire i fastidiosi malanni stagionali

Nonostante tutte queste proprietà benefiche la castagna, a causa dell’alto contenuto di amido, rimane un frutto difficile da digerire ed è sconsigliata per chi soffre di colite, aerofagia, obesità e patologie legate al fegato.

Il consumo di castagne va limitato nelle persone con diabete o che seguono una diete ipoglicemiche a causa dell’elevati contenuto di zuccheri.

castagna

Le castagne sono un alimento decisamente versatile.
Possono essere preparate in svariati modi e impiegate dall’antipasto al dolce. Possiamo arrostirle sul fuoco con una padella bucata, abbrustolirle al forno, lessarle oppure cuocerle, esaltando il sapore del prodotto come preferiamo.

Le castagne arricchiscono le zuppe di legumi e cereali ed esaltano il gusto delle vellutate. Diventano le protagoniste di risotti e sughi dal sapore caldo e autunnale. Questi paffuti frutti diventano anche un gustoso accompagnamento per secondi piatti di carne. Donano infatti un sapore distinto quanto particolare.
Possono inoltre arricchire,  insieme a pinoli e noci, gli insalatoni di stagione. Da provare con le pere!
castagna

Con le castagne possiamo preparare, oltre al classico castagnaccio, deliziose creme e marmellate. Oppure caramellare o glassarle con il cioccolato.

Date un occhiata qui per scoprire e sperimentare gustose ricette:
http://ricette.giallozafferano.it/ricette-con-le-Castagne/
castagna
La castagna può essere un ottimo motivo per organizzare una scampagnata nel bosco e fare un pò di  trekking, immergendosi e scoprendo la natura. È importante però far proprie alcune semplice regole per svolgere questa attività al meglio….

La maturazione di questo frutto avviene da metà settembre.
La castagna si considera matura quando risulta soda e dalla buccia liscia ed uniforme. Consumare frutti prematuri è sconsigliato in quanto malsano e poco appetitoso. È importante inoltre controllare che la castagna non abbia fori, ammaccature e parti in decomposizione.

Le castagne possono essere conservate in frigo e devono essere consumate in pochi giorni. Il contenitore ideale è una sacca di juta o un cesto di vimini mentre sono sconsigliati i sacchetti di plastica, poiché impediscono la traspirazione.

È meglio indossare abbigliamento tecnico per svolgere questa attività. Giacche impermeabili, pantaloni robusti e calzettoni pesanti ci permetteranno di non incorrere in inconvenienti come l’infiltrazione di zecche ed altri insetti. Gli scarponcini da trekking sono fondamentali per evitare  distorsioni ed infortuni. Sono necessari inoltre guanti in pelle o da giardino per non ferirsi con i ricci e remetti.

Ogni settimana nuovi post! Continua a seguirci nel blog di Amyko:
https://blog.amyko.it/
Fonti:

http://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/castagne-proprieta-controindicazioni/

http://www.sportoutdoor24.it/castagne-proprieta-benefici-e-controindicazioni/

https://www.lacucinaitaliana.it/news/in-primo-piano/castagne-e-marroni-differenza/

Condividi con un Amyko