SETTIMANA BIANCA? PER I VERI INNAMORATI DELLO SCI, ARRIVA AMYKO: UN AIUTO INTELLIGENTE PER PICCOLE E GRANDI EMERGENZE

Tempo di neve, tempo di libertà. E che bello sarebbe darsi al fuori pista, regalarsi una bella escursione in mountain bike o godersi una passeggiata in solitaria nella massima spensieratezza, sapendo di avere con sé tutte le informazioni personali e di prima necessità in caso di emergenza. Continua la lettura di SETTIMANA BIANCA? PER I VERI INNAMORATI DELLO SCI, ARRIVA AMYKO: UN AIUTO INTELLIGENTE PER PICCOLE E GRANDI EMERGENZE

MSN Go Tech: “Amyko il braccialetto salva-vita”

UN BRACCIALETTO-SALVAVITA MADE IN ITALY
Un braccialetto Made in Italy in plastica riciclabile che permette di portare al polso le informazioni medico sanitarie di prima emergenza, lo stato di salute e non solo. E’ Amyco, un’idea della start up We Care di Riccardo Zanini e Filippo Scorza.

IN CASO DI BISOGNO….
In caso di bisogno tutti i dati possono essere visualizzati sul display dello smartphone o tablet di un soccorritore o un familiare.

INFORMAZIONI DI OGNI TIPO
Dall’indirizzo di casa al recapito della babysitter, dalle intolleranze alimentari alle allergie, è l’utente che decide cosa memorizzare e a chi renderlo visibile. […]”

Continua a leggere l’articolo sulla pagina di MSN – GoTech

Il Fatto Quotidiano: “ecco come funziona il braccialetto salvavita made in Italy”

“All’apparenza è un anonimo braccialetto di plastica, personalizzabile con qualche innesto di colore. Sembra un gadget estivo pronto a diventare di moda, e invece Amyko è molto più utile di quanto si possa pensare. Per rendersene conto, basta rimuovere il coperchio di plastica al centro e ci troveremo di fronte a un numero di telefono, un codice a barre e un codice numerico. Di che si tratta e come si usa? Basta avere uno smartphone con NFC e, semplicemente inquadrando il codice con l’app dedicata, compariranno tutti i dati sanitari del possessore del prezioso braccialetto. E non solo: in caso di necessità (malori o incidenti), sempre attraverso l’applicazione partirà una telefonata al numero precedentemente inserito (di un familiare, di un medico, di una struttura sanitaria).[…]”

Visualizza l’articolo online sul sito de Il Fatto Quotidiano